Rea operato dopo una caduta in motocross prima di Phillip Island

Lo Yamaha Finance Australian Round non è stato il migliore inizio di stagione per Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), che ha concluso con un inusuale quinto posto in Gara 1 ed un secondo in Gara 2, battuto sul traguardo da Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati) per soli pochi millesimi.

Il tre volte Campione del mondo ha fatto sapere domenica che non aveva il suo solito feeling sulla sua ZX-10RR, ma ha detto: “Sono molto contento, specialmente di come mi sono sentito questa settimana. Sono stato male da mercoledì, quindi finire quinto sabato e secondo domenica, di nuovo sul podio, è proprio un limitare i danni”.

Rea ha dovuto fronteggiare anche un altro problema che potrebbe averlo condizionato al Phillip Island Grand Prix Circuit, dato che il 31enne era in recupero dopo un intervento alla mano destra, dopo un incidente in motocross. La caduta lo ha costretto a sottoporsi ad un intervento chirurgico su un dito della sua mano destra e gli sono stati messi sei punti, ma i tendini non sono stati colpiti.

Il campione del mondo in carica e il suo team hanno deciso di concentrarsi sul futuro e di non fare cenno all’incidente durante tutto il weekend australiano. Rea ha utilizzato Instagram per ringraziare il chirurgo Jordi Font, che ha svolto l’operazione al Tres Torres Clinic di Barcellona lunedì sera dopo il weekend. L’operazione alla mano è stata fatta il 4 febbraio, tre settimane prima dell’appuntamento di apertura della stagione, ed è durata solo un’ora. Comunque a Rea sono stati dati dieci giorni di recupero affinché la ferita si rimarginasse e, una volta arrivato in circuito, si è recato spesso in Clinica Mobile durante tutta la settimana, dai test alla gara.